Crossing the sea

Crossing the Sea
BANDO PER PROGETTI CREATIVI
DI ARTISTI UNDER 35 E PER OPERATORI UNDER 35

Il progetto

Crossing the sea è un progetto di internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo nato con lo scopo di creare e consolidare collaborazioni di lungo termine tra Italia, Medio Oriente e Asia. Il progetto è vincitore del bando Boarding Pass Plus del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Nel biennio 2018/2019 i sette partner italiani avvieranno un processo di internazionalizzazione rivolto a giovani artisti e operatori del settore finalizzato a promuovere occasioni di networking, condividere buone pratiche, favorire coproduzioni internazionali e scambi bilaterali e la conoscenza diretta del pubblico di diverse aree geografiche. Grazie al progetto, i partner italiani e internazionali rafforzano e implementano la relazione tra le diverse aree geografiche, creando un network che funge da antenna per lo sviluppo delle attività tra i paesi coinvolti.

 

Partner italiani

Marche Teatro – Inteatro Festival Polverigi (capofila), Anghiari Dance Hub, Armunia, Fondazione Fabbrica Europa, Lis Lab Performing Arts – Cross Festival, Mosaico Danza – Interplay Festival, Festival Oriente Occidente

 

Partner internazionali

Attakkalari Centre for Movement Arts (India), City Contemporary Dance Company (Cina), Hong Kong Arts Festival (Cina), Maqamat (Libano), National Performing Arts Center (Taiwan), Shangai Dramatic Arts Center (Cina), SIDance (Corea), T.H.E. Dance Company (Singapore)

 

Le tappe del progetto

I primi artisti a essere partiti sono stati Salvo Lombardo e Davide Valrosso alla volta dell’Attakkalari India Biennial di Bangalore dove Lombardo ha proposto Bodies Memories, workshop residenziale con la collaborazione di Daria Greco, e Valrosso ha lavorato su The Golden Age. Gli esiti di queste residenze sono stati presentati al pubblico di Bangalore l’8 e il 28 febbraio.
Il 2 febbraio, sempre nell’ambito dell’Attakalari Biennial, Salvo Lombardo ha presentato la performance Outdoor Dance Floor e Davide Valrosso la sua creazione Joseph.


Davide Valrosso, con tre danzatori dell’Attakalari Centre for Movement Arts, il 14 giugno 2019 ha presentato a Firenze la creazione A Peaceful, Peaceful Place in scena anche il 16 giugno a Villa Nappi a Polverigi per Inteatro, il 22 giugno a Intra per Cross Festival e il 26-27 giugno a Castiglioncello per il Festival Inequilibrio.

Isabella Giustina, dopo una residenza dal 17 maggio al 17 giugno, presenta il 18 e 19 giugno a Singapore, in occasione del Co.Lab. Asians la creazione Hanging in the Balance realizzata con T.H.E Second Company (T.H.E Dance Company).

Dal 17 al 23 giugno Jacopo Jenna è in residenza al Seoul Institute of the Arts per un workshop con artisti locali che prevede una restituzione finale.

In Cina a maggio/giugno, i Tecnologia Filosofica sono presenti con un workshop allo Shangai Dramatic Center for the Arts, mentre a luglio è in programma il workshop di Barbara Berti al Beijing Festival e a settembre è prevista la residenza di Sotterraneo durante lo Shanghai International Theatre Festival.

SIDance di Seul ospita in residenza Andrea Costanzo Martini a ottobre e il CCDC di Hong Kong accoglie il gruppo Melting Point a novembre (Giovanfrancesco Giannini, Claudia Mezzolla, Fabio Novembrini, Valentina Zappa, Isabella Giustina).

A dicembre sono in programma all’Hong Kong Art Festival le residenze di Luna CenereIlenia Romano e Pietro Marullo affiancato dagli artisti locali.

Fattoria Vittadini è ospite del Tjimur Dance Theatre di Taiwan per un workshop/residenza. 

 

Tutto il progetto su www.crossingthesea.org.

 

I partner di Crossing the Sea hanno partecipato a “Festival, Antenne del contemporaneo”, una giornata di riflessione sul ruolo dei festival di danza contemporanea svoltasi il 24 maggio 2019 al Polo del ‘900 di Torino, nell’ambito del Festival Interplay/19.