2020

2020 L’anno dei 26 ANNI DI ATTIVITA’ di MOSAICODANZA

 

L’Associazione Mosaico Danza è al servizio della danza da 26 anni e continua con lo stesso spirito a pensare al futuro prossimo, guardando come sempre alle nuove generazioni e alla 20esima edizione di Interplay Festival che si svolgerà dal 20 al 30 maggio 2020, ma con un occhio al passato remoto.

 

Ventisei anni fa Natalia Casorati ha deciso di segnare un nuovo percorso per la danza contemporanea con il progetto OUT DOOR. Perché prima di Interplay Festival, a Torino e non solo, quando la danza contemporanea non aveva un pubblico e i teatri non la volevano programmare, gli artisti non avevano “case della danza” o “residenze” e i programmatori dovevano letteralmente inventarsi “spazi e possibili pubblici”.

 

Attraverso la rassegna CONTRAPPUNTI fin dal 1993 Mosaico Danza ha ospitato a Torino artisti programmati con lavori site-specific in giro per la città: cortili, chiostri, gallerie d’arte, ovvero spazi per pubblici curiosi e incuriositi. Il progetto è stato raccontato nella pubblicazione presentata nel 2001 al Salone del Libro di Torino: con il Contrappunti ─ Spettacoli in Luoghi d’Arte. Sfogliando il libro spicca tra il pubblico Edoardo Fadini, grande uomo di teatro e cultura a cui la Fondazione Teatro Piemonte Europa ha dedicato la stagione appena conclusa 2018/19.

 

Nel 2001 nasce INTERPLAY FESTIVAL, una manifestazione da subito ricca di personalità che ha portato la danza nei teatri di Torino, e non solo, e che negli anni ha ospitato giovani artisti da tutto il mondo. Se per Mosaico Danza il migliore audience engagement è portare la danza vicino alla gente, ai giovani e ai bambini, ecco che nel festival ha sempre trovato spazio la sezione dei “Blitz Metropolitani” ovvero la danza in urbano, con spettacoli gratuiti nelle vetrine dei negozi, nei musei, piazze, locali.Parallelamente, con ostinazione, in questi anni Mosaico Danza ha continuato a sostenere gli artisti più giovani, cercando di rispondere alle loro urgenze: necessità di residenze per le nuove creazioni e date in tournée per gli spettacoli. E così dal 2007 è stato aperto il Black Box di Mosaico Danza: uno spazio per residenze coreografiche a tempo pieno, con foresteria, sala prova, a contatto con l’ispirazione trasmessa dai boschi e dai prati della collina di Torino. Fino al 2017 per i progetti di INSIDE/OFF sono stati ospitati 162 artisti in residenza, ed è davvero numeroso il pubblico che ha affollato la piccola sala per le restituzioni, gli spettacoli e i dibattiti che ne seguivano. Sempre nel 2007 Mosaico Danza è l’unico partner italiano a entrare in tre network internazionali: Dance Roads, Les Repérages e Ciudaded Que Danzan. Ed è il primo partner piemontese del network nazionale Anticorpi XL.

 

In dieci intensi anni di relazioni internazionali l’Associazione ha potuto portare tra Europa, Canada e Brasile più di 30 giovani coreografi italiani (alcuni nomi: Simona Bertozzi, Daniele Ninarello, Ambra Senatore, Tecnologia Filosofica, Daniele Albanese, Cristina Rizzo, Sara Marasso…).

 

Con la rete Anticorpi XL, di cui ora fa parte anche la Fondazione Piemonte dal Vivo, in 11 anni di attività Mosaico Danza ha sostenuto 21 artisti piemontesi alla Vetrina della Giovane Danza d’Autore. Nel quadro della stessa rete il progetto CollaborAction, proposto da Natalia Casorati, è stato costruito seguendo i modelli di sostegno agli artisti promossi dai governi francesi, tedeschi e dei Paesi Bassi. Il progetto, giunto alla quarta edizione con l’adesione di 12 partner di Anticorpi XL è rivolto ai più interessanti coreografi della scena nazionale con un importante sostegno economico (30.000 euro) affiancato alla realizzazione di una tournée in tutta Italia. Il vincitore della quarta edizione è stata Silvia Gribaudi, artista selezionata con il progetto Graces, ispirato all’opera Tre Grazie di Antonio Canova. Lo spettacolo aprirà la nuova edizione di Interplay e sta circuitando nei migliori teatri e festival internazionali ottenendo grande successo di pubblico e critica.

 

L’urgenza dei nostri tempi ci fa capire che non è possibile una progettualità culturale, se non si parte da un radicamento nel tessuto metropolitano e dalla necessaria complicità di più realtà territoriali che vi lavorano. La complessità del presente deve incontrare e contaminarsi con le realtà di un territorio, per non perdere il proprio senso e una funzione sociale. Negli anni Mosaico Danza ha trovato questa complicità nella condivisione di diverse azioni a sostegno della giovane creatività con più soggetti del territorio locale e nazionale. Networking, collaborazioni, scambi e residenze, sono oggi gli strumenti di una progettazione culturale allargata che inventa nuove occasioni per artisti emergenti e affermati, allo stesso tempo offrendo al pubblico strumenti nuovi per apprezzarli.

 

Tra i progetti, si segnala SHARED CHOREOGRAPHIC RESIDENCY (2013), progetto pilota coordinato da MosaicoDanza e realizzato con il centro coreografico TROIS C-L (Lussembrugo) e il TanzTendenz (Germania). 3 giovani artisti, uno per paese, hanno lavorato insieme, condividendo tre residenze di 10 giorni ciascuna con la supervisione di una coach coreografica Christiane Blaise del centro coreografico di Grenoble. L’esito finale della residenza si è svolto a Torino a Mosaico Danza, con ospiti i 3 direttori artistici dei due centri coreografici internazionali. Il progetto volva favorire un incontro sinergico tra tre paesi e tre talentuosi coreografi piemontesi, lussemburghesi e tedeschi, nominati dai direttori dei centri coreografici nazionali e internazionali partner. I coreografi selezionati: Naniele Ninarello (IT), Yuko Kominami (JP/LU), Stephan Herwig (DE).

 

Nel quadro dei molti progetti coordinati che premiano le azioni di rete, si inserisce anche la vincita della prima (2018/2019) e seconda (2020/2021) edizione del bando Mibac Boarding Pass Plus per “Crossing the Sea”, un progetto tra Italia, Medio Oriente e Asia per favorire l’internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo che vede sette festival e teatri italiani. Il progetto vuole costruire e rafforzare relazioni con nove partner stranieri, dal Libano alla Cina, per stabilire rapporti di lungo periodo con realtà che operano nel contemporaneo e che stanno manifestando interesse per la produzione artistica italiana. A dicembre sono in programma all’Hong Kong Art Festival le residenze di Luna Cenere, Ilenia Romano e Pietro Marullo affiancato dagli artisti locali, mentre Fattoria Vittadini è ospite del Tjimur Dance Theatre di Taiwan per un workshop e una residenza.

 

Da ricordare la nuova importante iniziativa trilaterale a sostegno dell’internazionalizzazione dei coreografi italiani e locali con partner di Francia e Germania: ÉTAPE DANCE (2019/2021). Il Fabrik Potsdam, la Maison CDCN e il Théâtre de Nîmes, con il sostegno del Bureau du théâtre et de la danse à Berlin, insieme a Mosaico Danza e la Lavanderia a Vapore/Piemonte dal Vivo, per ÉTAPE DANCE un progetto a sostegno della produzione di nuove creazioni attraverso uno scambio di residenze e supporto produttivo di respiro internazionale.

 

 

 

JUMP INTO MOSAICO DANZA HISTORY:

 

CONTRAPPUNTI
La rassegna Contrappunti, spettacoli site specific in luoghi d’arte‚ nata nel 1993, dal 2004 è stata inglobata nel Festival Interplay.
I giovani artisti di allora, ora affermati Giorgio Rossi, MK, Ambra Senatore, Supplici, Ariella Vidach, Roberto Castello, Doriana Crema, Kinkaleri, Caterina Sagna, Federica Tardito, Aldo Rendina, Monica Francia, Aline Nari, Alessandro Certini e musicisti come Nicola Campogrande, Giorgio Li Calzi, Alberto Jona e scrittori come Dario Voltolini e attori come Lucilla Giagnoni e Michele Di Mauro.

 

INTERPLAY/International Contemporary Dance Festival
Dal 2001 per 20 edizioni con il meglio della nuova e giovane danza contemporanea, compagnie e danz’autori provenienti da tutto il mondo, prime nazionali e regionali, performance e spettacoli in teatri, musei, gallerie, piazze, autobus e periferie.

 

INSIDE/OFF work in progress contemporary dance
162 artisti in residenza nel BLACK BOX di Mosaico danza dal 2007 al 2017.

 

DROP / Dance Roads Open Process dal 2007
Network europeo a sostengo della mobilità dei giovani coreografi / Mosaico Danza ha sostenuto e promosso 5 compagnie italiane in tour europeo in 10 anni di progettualità biennale / 100 artisti coinvolti > Progetto vincitore del bando Europa Cultura, ha ricevuto dalla Commissione Europea nel 2017 il riconoscimento SUCCESS STORY. Nonostante la valenza del progetto, nel 2019 il network è costretto a sciogliersi, terminando quindi importanti percorsi e iniziative che sostenevano le giovani compagnie con tour internazionali (con date anche in Canada) per le difficoltà organizzative e logistiche sorte a causa della Brexit.
I partner: Mosaico Danza/Interplay Festival (Torino), PDV/Lavanderia a Vapore (Torino), National Centre of Dance (Bucarest), Stadstheater (Arnhem), Chapter (Cardiff), Danse à Lille, (Lille), The Place, (Londra), Tanz Performance Köln (Colonia), La Porta (Barcellona), Tanec Praha (Praga) e Die Theater Wien (Vienna).

 

LES REPÉRAGES (2007>2015)
Network europeo Danse à Lille (FR) + Charleroi (BE) / 19 partner da 15 Paesi > Mosaico Danza ha sostenuto 7 compagnie italiane.

 

PROGETTI IN NETWORK
Dal 2007 Mosaico Danza è partner di ANTICORPI XL, la più grande rete italiana formata da Festival, Rassegne e Circuiti a sostegno dei giovani danz’autori.
21 gli artisti piemontesi selezionati in 11 anni di collaborazione con la Vetrina Anticorpi XL.

 

SHARED CHOREOGRAPHIC RESIDENCY (2013)
Mosaico Danza con TROIS C-L (Lussembrugo) e TanzTendenz (Germania), dà il via a un progetto europeo che riunisce giovani artisti, istituzioni e festival di danza, attraverso lo scambio di diversi metodi di lavoro e scambi europei. Il progetto è un incontro sinergico tra tre paesi che, attraverso tre residenze, coinvolgono talentuosi coreografi piemontesi, lussemburghesi e tedeschi, nominati dai partner.

 

FORMAZIONE DEL PUBBLICO
Dal 2013 YC4D/YOUNGEST CRITICS FOR DANCE, percorso formativo per il GIOVANE PUBBLICO in partnership con Krapp’s Last Post, Piemonte dal Vivo, DAMS di Torino + Masterclass di danza contemporanea tenute dagli artisti di Interplay a cura di NOD/NUOVA OFFICINA DELLA DANZA + Special Project > CORSO DI LAUREA DI FISIOTERAPIA dell’Università di Torino > Raccolta dati per sostenere la ricerca sulle patologie nel corpo dei danzatori.

 

AWARD 2017: CULTURE EUROPE
Vincitori del bando EUROPA CULTURA 2007/13 – Strand 1.2.1. Cooperaction Projects per DROPS, con i partner di FR \ NL \ UK + CDN.

 

FOCUS YOUNG MEDITERRANEAN AND MIDDLE EAST CHOREOGRAPHERS (2017/2018)
In sinergia con altre 12 realtà italiane per la circuitazione di diversi giovani coreografi provenienti dal bacino del Mediterraneo offrendo residenze coreografiche, workshop e tour in Italia.

 

SHARING&MOVING/Internazional Residencies (2018/2019)
Progetto di residenza internazionale, a cura di Interplay Festival/Mosaico Danza in collaborazione con PDV/Circuito Regionale Multidisciplinare (TO) e il Centro Coreografico El Graner di Barcelllona (ES), grazie al quale si organizzano residenze nei reciproci paesi, finalizzate a promuovere all’estero giovani compagnie nazionali. L’iniziativa è partita nel 2018 con 4 residenze presso il CCN di Rillieux La- Pape di Lione (FR).

 

CROSSINGTHESEA2018/2019 + 2020/2021,vincitore della prima e della seconda edizione del bando Boarding Pass Plus del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali
È un progetto di internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo nato con lo scopo di creare e consolidare collaborazioni di lungo termine tra Italia, Medio Oriente e Asia. I sette partner italiani hanno avviato un percorso rivolto a giovani artisti e operatori del settore finalizzato a promuovere occasioni di networking, condividere buone pratiche, favorire coproduzioni internazionali, scambi bilaterali e la conoscenza diretta del pubblico di diverse aree geografiche.

 

ÉTAPE DANCE 2019/2021
È partita una nuova iniziativa trilaterale a sostegno dell’internazionalizzazione dei coreografi italiani e locali con partner di Francia e Germania. Il Fabrik Potsdam, la Maison CDCN e il Théâtre de Nîmes, con il sostegno del Bureau du théâtre et de la danse à Berlin, insieme a Mosaico Danza con la Lavanderia a Vapore/PDV, per ÉTAPE DANCE un progetto a sostegno della produzione di nuove creazioni attraverso uno scambio di residenze e supporto produttivo di respiro internazionale.

 

 

NETWORK

INTERPLAY fa parte di tre network
Anticorpi XL > 37 partner
CQD Ciudades Que Danzan > oltre 40 partner
Dance Roads > 8 partner
ÉTAPE DANCE > 3 partner

 

Numeri, azioni
collaborazioni al 100%

 

Affluenza di pubblico delle ultime edizioni di interplay festival in crescita dal 2014 al 2019